Lo Storytelling in cima alla vetta ai MEDEA Awards 2012

Lo Storytelling in cima alla vetta ai MEDEA Awards 2012
18 dicembre 2012 Eleonora Panto
Medea Awards 2012 - Ceremony

La produzione francese Quand la colère fait tomber les masques è il vincitore del Premio MEDEA produzione professionale e la produzione greca And the Oscar goes to … è il vincitore del Premio MEDEA contenuti generati dagli utenti. L’annuncio è stato dato durante la cerimonia di premiazione di MEDEA sponsorizzata da Adobe che si è svolta ieri sera, nell’ambito della  Media & Learning Conference attualmente in corso presso la sede centrale del Ministero dell’Educazione e Formazione fiammingo a Bruxelles.

Quand la colère fait tomber les masques è stato realizzato da Université Paris 1 in Francia e, durante la cerimonia di premiazione è stato rappresentato da Catherine Loire. Si tratta di un film di 35 minuti su una storia avvincente che racconta il conflitto sociale tra un dipendente e la nuova gestione di una azienda a conduzione familiare nella fase di transizione per trasformarsi in una grande multinazionale. Il filmato mostra gli eventi da diverse angolature: la gestione delle risorse umane, i diritti dei lavoratori, la gestione dei conflitti, l’etica del mondo degli affari e il diritto societario. In questa prospettiva rappresenta un interessante caso di studio per gli studenti del Master in ciascuna di queste discipline, un caso di studio che è molto più efficace e coinvolgente di quanto potrebbe essere se fosse raccontato solo sulla carta.
And the Oscar goes to … è stato realizzato dalla Scuola Primaria 5 di Alexandroupolis in Grecia e, durante la cerimonia di premiazione è stato rappresentato da Michailidis Petros.Il lavoro comprende il modo in cui viene usato lo storytelling nei film nella pratica didattica quotidiana per materie come l’apprendimento delle lingue, la matematica, gli studi sociali e la scienza, l’arte, l’inglese, l’ ICT, così come per imparare il modo di comportarsi come la gestione del bullismo. Questo progetto offre agli studenti le capacità e le competenze per creare i propri video su questi temi, in collaborazione con gli altri paesi. Fornisce agli studenti l’opportunità di imparare ad esprimersi in altri modi accanto alla comunicazione tradizionale scritta e orale.
Parlando alla premiazione ieri sera, Mathy Vanbuel, presidente del Comitato del Premio MEDEA ha evidenziato il fatto che entrambi i vincitori hanno un elemento narrativo molto forte che sottolinea l’importanza della narrazione per l’apprendimento.“La narrazione è sempre più utilizzata per catturare l’interesse in un contesto di apprendimento, è un modo per tenere gli studenti motivati, per incoraggiarli ad andare avanti e ad avere un reale interesse per ciò che sta accadendo attraverso la loro preoccupazione per quanto sta capitando ai personaggi coinvolti nelle storie che si raccontano. Tutti amano una buona storia, e questo è più che mai evidente nei Premi MEDEA di quest’anno.”
Quest’anno il Premio Collaborazione europea è stato assegnato a Historiana – our Portal to the Past realizzato da Euroclio – European Association of History Educators, The Netherlands, Paesi Bassi e rappresentato alla premiazione da Geert Kessels. Historiana è stato progettato principalmente per gli studenti (dai 14 anni), e dei loro educatori (compresi gli insegnanti che si stanno formando). E ‘concepito come una risorsa educativa complementare per la storia, il patrimonio e alla cittadinanza in Europa e oltre.

Il premio Medea per Media Educativi che favoriscono l’invecchiamento attivo, istituito in concomitanza con l'”Anno europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni” è stato vinto da All that Jazz realizzato da Fundación Universidad Carlos III, Spagna e rappresentata da Raúl Jiménez.All that Jazz è parte media di un corso di formazione permanente, che utilizza diversi mezzi di comunicazione: video, audio, lezioni in presenza, presentazioni, DVD, così come un blog di classe.
Sono stati assegnati due ulteriori premi, il primo, il Premio Speciale della Giuria è stato dato Flying Start realizzato da Università di Leeds, Regno Unito e rappresentata da Lizzie Caperon. Questa produzione è costruita intorno ad un contenuto centrale generico che introduce una serie di competenze accademiche per tutto il periodo di 4 settimane che intercorre tra quando gli studenti ricevono i livelli ‘A’ e l’inizio dell’università. E ‘stato dato questo premio in riconoscimento dell’eccellenza dell’idea che sta alla base del progetto.
Gli altri finalisti che hanno partecipato ieri sera al Premio MEDEAerano: Schoolovision ralizzato da scuole di tutta Europa ed è rappresentato da Steffen Toppler che era il vincitore più popolare del pemio del pubblic Il Girotondo del Tempo realizzato da Hyperfilm srl, Italia rappresentata da Andrea Tua; Moving Image Techniques fatto da Christina dePian, Grecia, e SignMedia fatta dall’Università di Wolverhampton, Regno Unito e rappresentata da Christine Jolly.
Quest’anno il concorso ha avuto 213 iscrizioni da 32 paesi. Il termine ultimo per la ricezione delle candidature per MEDEA 2013 è 30 settembre 2013.
Oltre ai finalisti, il Comitato Organizzatore ha inoltre annunciato 15 lavori che sono altamente commentati.

Questi sono: A letter, a Story della Greek Educational RadioTelevision del Ministero della Pubblica Istruzione greca(Grecia); Cartini Animati, dell’Istituto Scolastico Comprensivo Statale di Ponte San Nicolò (Italia), Child’s Play: An Educational Issue, di Deirdre Shelly (Irlanda); Crocodox , Unaymedia (Spagna), Don Giovanni dans tous ses écrans, dell’Université Rennes 2-CREA (Francia), El placer de la experiencia (I) y (II), de La Red Información (Spagna), Face Up, di Ariel Trust (Gran Bretagna) , Forum of Generations @School, Obchodna Academia (Slovacchia); Gloria trova un vero padrone, di Giunti Progetti Educativi (Italia); In Trouble, di UAM (Spagna); Mustard vs Ketchup Senape, dell’Istituto professionale “Tommaso D’Oria” (Italia); Online projects among Greek and French EFL students} di Maria Markaki School of Foreign Languages (Grecia); Plataforma “Cuenta Regresiva” 1 acción = 1 Cambio, di Educ.ar SE (Argentina), Projekt “Podróże kształcą”, Miejski Zespół Szkól nr 2 (Polonia); Think Sustainable – Little Eco-houses, della Scuola Brofferio – Asti, Italia.
Tutti i finalisti hanno presentato i loro progetti nel corso dei Media & Learning Conference che ha richiamato oltre 270 partecipanti provenienti da 40 paesi e che ha costituito il contesto la premiazione di MEDEA quest’anno. Uno schowcase su ogni finalista e sulle menzioni speciali saranno aggiunte alla galleria media a breve.
Per ulteriori informazioni sui Premi MEDEA: http://www.medea-awards.com
Per ulteriori informazioni sulla Media & Learning Conference: http://www.media-and-learning.eu
Contatti:
Nikki Cortoos, Segreteria MEDEA Awards
ATiT, Leuvensesteenweg 132, B-3370 Roosbeek, Belgio
Tel: +32 16 284 040, Fax: +32 16 223 743, E-mail: secretariat@medea-awards.com

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*